Categoria: Storie ed Eventi

Cena Alchimista del Borgo Storie ed Eventi

Le Storie del Borgo

“Una Cena da Scrivere” è l’evento che abbiamo organizzato sabato 19 gennaio. I nostri ospiti hanno ascoltato la nostra storia e nel corso della serata hanno scritto il loro racconto nel Borgo…

 

Una Cena da Scrivere: Elena, Francesco, Eleonora, Gabriele,Francesca

“Di un pomeriggio del Borgo Medievale vi vorrei raccontare.

Il Semplice a Radio Monte Velino “La Rondine” di Mango dedicava al suo amorino. L’Oste il Tè freddo non aveva, ma “callo pure ‘na otte” te ne metteva.

Di champagne traccia non ce n’era,

ma un’alternativa ti proponeva.

Il Deapizia il veleno che ti sfizia

Silvio da Castelnovo, Micchelino, 7000 caffè, Walterino, Pirro, Carlino, Fra Diavolo, Pangrazio, gli Scialuni, mezzo, e tanti delle Forme insieme a Ornella Muti e Giuliano Gemma erano frequentatori

Per gustare insieme il caffè alla “FRENSIS”

A quattro colori.

Il nostro oste di nulla aveva paura a parte il fastidio durante la chiusura. I registri

Tutte le prese

E le luci non più accese

L’allarme era attivato e

Il cancello ben serrato.

Un po’ di aneddoti abbiamo raccontato

Di questo oste tanto amato.

Un locale originale

di un uomo buono e cordiale

 

1,2,3

e quattro

mo sta proprio chiuso”.

 

Elena

Francesco

Eleonora

Gabriele

Francesca

Cena Alchimista del Borgo Storie ed Eventi

Le Storie del Borgo

“Una Cena da Scrivere” è l’evento che abbiamo organizzato sabato 19 gennaio. I nostri ospiti hanno ascoltato la nostra storia e nel corso della serata hanno scritto il loro racconto nel Borgo…

 

Una Cena da Scrivere: le fate

 

“…e quel giorno arrivarono al Borgo tre splendide fate: Morgana, Milena e Maya.

Morgana è la fata del fuoco, dei sentimenti e delle emozioni. Riesce a far nascere, con le sue pozioni ed i suoi elisir alchemici, legami indissolubili nel cuore dei visitatori con la magia che si sprigiona da ogni angolo di quel posto incantato.

E’ una fata particolarmente saggia: conosce tutti i segreti della Natura e riesce ad ammaliare ogni persona con i suoi rimedi medicamentosi e magici.

I suoi elisir sono bevande capaci di guarire, di infondere benessere e gioia di vivere.

Milena è una fata molto sfuggente, come il vento, le piace portare profumi per avvolgere chiunque arrivi nel borgo.

A chi dovesse capitare di dormire in quelle stanze, la potrebbe sentire nella brezza mattutina o quando, al tramonto, si alza un vento leggero. Le piace far innamorare le persone soffiando nelle loro narici gli umori che esalano dai prodigiosi elisir di Morgana.

I pochi che sono riusciti a vedere Milena la descrivono con lunghissimi ed ondulati capelli neri, ornati da variopinte ghirlande di fiori, con indosso abiti di seta che mettono in risalto le sue forme sinuose ed il suo corpo leggiadro ed i suoi piedi nudi, che le permettono di saltellare leggera da una nuvola all’altra.

Con questi movimenti compone messaggi per gli innamorati, disegnando forme fantasiose con le nuvole. Con il suo soffio riesce magicamente anche a portare il sereno.

Maya è la fata dalle magnifiche ali colorate dalle tinte che ricava grazie alla trasformazione delle erbe e dei fiori di Morgana e dei profumi di Milena.

Si libra leggera nell’aria, distribuendo così luci e colori nel borgo.

Quando sbatte delicatamente le sue enormi ali, arcobaleni di colori si sprigionano tutti intorno e chiunque riesca a catturarli, se ne veste scegliendo quelli che più preferisce, dando vita ad una moltitudine di tinte, nella loro diversità, armoniose.

Da quel giorno le tre fate continuano ad aggirarsi nel Borgo per tutti quelli che ne percepiscono l’Alchimia della loro presenza.”

 

Le fate

Morgana, Milena e Maya

Cena Alchimista del Borgo Storie ed Eventi

Le Storie del Borgo

“Una Cena da Scrivere” è l’evento che abbiamo organizzato sabato 19 gennaio. I nostri ospiti hanno ascoltato la nostra storia e nel corso della serata hanno scritto il loro racconto nel Borgo…

 

Una Cena da Scrivere: Davide e Massimo

 

“Arriva un giorno in cui sorge un sole diverso, in cui scopri che esiste un’Alchimia più alta, un’Alchimia di spiriti, di cuori, una comunione così profonda da rovesciare il mondo intero. Quel giorno esci di casa come se nulla fosse, vivi la tua vita come ogni altro giorno, cerchi di costruirla come hai sempre fatto, ma mentre sei così impegnato a vivere il tuo mondo chiuso, ecco che il sole cambia, c’è un lampo, ma tutto è ancora sereno e allora alzi lo sguardo e vedi quegli occhi che ti cambiano la vita per sempre.

Alchimia è il sogno di prendere un metallo povero per trasformarlo in oro, è la magia dei sapienti che cambia il mondo e lo rende migliore.

E quel paio di occhi che vedi, il mondo lo rendono migliore davvero. Il sole brilla ancora, la vita prosegue il suo corso, ma per un istante, per un solo istante, il tuo mondo trema, e quegli occhi iniziano ad avere un nome, una storia, e diventano oro, da quel nulla che erano.

Alchimia è trasformazione, Alchimia è l’amore che prende due elementi e ne forma un altro diverso, più alto. Da quegli occhi, da quel terremoto, la vita sembra andare in pezzi, ma solo allora realizzi quanto le rovine siano importanti.

Sorge il sole e per la prima volta, tra quelle rovine, qualcuno ti tiene la mano. Le pietre non nascondono distruzione, ma promesse future, e allora, il mondo, quel piccolo borgo di abitudini che era la tua vita, riprende i suoi cocci e li unisce a quelli della persona che ti tiene la mano. Due vite diventano una e quando pensi che qualcosa possa andare perso per sempre, ricordi quella volta a scuola, quando il professore di chimica ti spiegò che al mondo nulla si crea, nulla si distrugge, ma tutto si trasforma.

E nel vedere come l’amore trasforma ogni cosa, nel vedere quanto forte sia questa Alchimia, comprendi la scintilla divina che vibra dentro ciascuno, e pensi forse che in fondo, la creazione non sia stata altro che un colpo di fulmine.

Alchimia è, come l’avrebbe chiamata Dante, una “Vita Nova”, un risveglio, un battito d’ali del nidiaceo più temerario. Alchimia è amore, è vita, è coraggio, è trovare la forza di gettare il mondo all’aria come fosse un pugno di carte e avere poi la voglia di ricostruirlo insieme, carta dopo carta.

L’Alchimia è l’essenza stessa di Dio, è l’Amore che induce al cambiamento, è ciò che muove ogni cosa, che la getta nell’universo finché non collide, e allora tutto si trasforma, e la creazione stessa ha un senso.”

Davide e Massimo

Cena Alchimista del Borgo Storie ed Eventi

Le Storie del Borgo

“Una Cena da Scrivere” è l’evento che abbiamo organizzato sabato 19 gennaio. I nostri ospiti hanno ascoltato la nostra storia e nel corso della serata hanno scritto il loro racconto nel Borgo…

Una cena da scrivere: Silvia e Adriano

“…C’era una volta…

Marito e Moglie in eterno movimento, obiettivi da raggiungere, fallaci sogni da realizzare, due vite che viaggiano parallele per incontrarsi di tanto in tanto davanti ad uno schermo che proietta immagini parimenti artefatte…

…poi, all’improvviso, l’Alchimia di un borgo che rifugge dalle dannate leggi della cultura del presente e gli occhi delle anime legate indissolubilmente tra di loro tornano ad incontrarsi con la stessa naturalità di un tempo passato, la stessa con cui la “bocca” dell’Alchimista si apre alle mille luci dei Piani Palentini…un’atmosfera senza tempo.

Ieri, oggi e domani in un unico, irrepetibile, eterno istante.

Ben “ri-trovata” Alchimia.”

 

Silvia e Adriano

Cena Alchimista del Borgo Storie ed Eventi

Le Storie del Borgo

“Una Cena da Scrivere” è l’evento che abbiamo organizzato sabato 19 gennaio. I nostri ospiti hanno ascoltato la nostra storia e nel corso della serata hanno scritto il loro racconto nel Borgo…

 

Una Cena da Scrivere: Angela

 

“Alchimie dettate dall’amicizia, dai ricordi condivisi.

Ricordi che ne fanno scaturire altri.

L’infanzia vissuta in un piccolo borgo, nel quale trascorrevo l’estate.

Le lucciole si rincorrevano tra i cespugli nelle calde notti di quell’estate. Il nostro più grande divertimento consisteva nell’intrappolarle in barattoli di vetro creando lanterne luminescenti per durata e luminosità.

Ricordo un vestitino blu con una bordura di fiorellini rossi, scrivevo il mio nome con le prime lucciole che catturavo. La luminescenza affascinava i miei sogni di bambina…

Dorati erano i giorni di quella lunga estate, dorati i campi nei quali restavano le stoppie pungenti dopo che il grano era stato tagliato e nei quali correvo incurante di graffi alle caviglie; dorata l’aria della sera al tramonto. Si alzava sempre il vento prima del tramonto, ma poi, appena il sole veniva coperto dalle montagne, l’aria purificata acquisiva una nettezza dorata che placava l’anima.”

Angela

Cena Alchimista del Borgo Storie ed Eventi

Le Storie del Borgo

“Una Cena da Scrivere” è l’evento che abbiamo organizzato sabato 19 gennaio. I nostri ospiti hanno ascoltato la nostra storia e nel corso della serata hanno scritto il loro racconto nel Borgo…

Una Cena da Scrivere: Paolo ed Elettra

“La confusione nasce dall’insieme di emozioni che si accalcano in un momento, lasciandoti interdetto, fino al punto di non riuscire a chiedere del vino per la cena.

Il profumo di questo sapore non fa che aumentare la voglia di non comprendere, la vista di questa pietanza suggerisce semplicità, ma basta assaporarla per scatenare mille vibrazioni.

La parola mi abbandona e lascia spazio ad altro. La voglia di scoprire gli ingredienti di questi piatti mi assale, ma poi torna quel leggero torpore mentale che in questa Alchimia di sapori mi ha lasciato vivere un magico viaggio nel gusto.

E adesso datemi del vino dolce, un buon dessert e lasciatemi sognare, rilassato su questa poltrona che sa di Medioevo in un posto che non c’è.”

Paolo e Elettra

Cena Alchimista del Borgo Storie ed Eventi

Le Storie del Borgo

“Una Cena da Scrivere” è l’evento che abbiamo organizzato sabato 19 gennaio. I nostri ospiti hanno ascoltato la nostra storia e nel corso della serata hanno scritto il loro racconto nel Borgo… 

 

Una Cena da Scrivere: Matteo e Ilaria

“Un semplice sabato sera di gennaio…

Ci siamo trovati a non sapere dove andare a cena, ma con la voglia di esplorare un posto nuovo, diverso, dove non eravamo mai stati… Le ricerche su Internet ci hanno evidenziato un posticino nella zona “L’Alchimista del Borgo Medievale”. Già il nome suscitava in noi curiosità. Così abbiamo prenotato…

Arrivati siamo stati subito accolti piacevolmente, si percepiva quell’energia ed atmosfera positiva, che colpisce a pelle. Un posto molto raccolto, genuino, medievale, il tutto avvolto da soavi note musicali.

La padrona di casa, la Signora Vincenza, molto elegante e dai modi graziosi e cordiali, ci ha subito ospitati calorosamente, facendoci accomodare.

La serata è iniziata con un bel brindisi, “a noi”, due giovani ragazzi che credono nell’amore!

Anche l’olfatto ha avuto la sua, un profumo gustoso avvolgeva la sala, stuzzicando il nostro appetito. Abbiamo assaporato semplici pietanze dal sapore squisito, unico!

Ecco, tutto questo sapeva di Alchimia, quell’Alchimia che ha trasformato un semplice sabato sera nella magnifica scoperta di questo borgo.

Grazie per averci regalato una splendida serata.”

 

Matteo e Ilaria

evento alchimie tanguere Storie ed Eventi

Alchimie Tanguere

L’alchimista è TANGO… 💃Vi proponiamo un sabato sera passionale con:
Antonella Gentile voce
Luigi De Simone chitarra

Flamenco & Tango ai sapori argentini. 🌹
Note di poesia con due ospiti d’eccezione ed alchimie tanguere..in collaborazione con due ballerini straordinari che ci regaleranno passi di tango in atmosfere retró …

Scopri di più nella nostra pagina Facebook

Traduci »